Home Europa Londra insolita: 10 luoghi poco turistici da visitare

Londra insolita: 10 luoghi poco turistici da visitare

Valentina Regazzi
11 commenti

Nonostante non vi abbia ancora mai parlato di Londra, è la città europea che ho visitato più volte e con cui è stato, sin da subito, amore a prima vista. Ho scoperto la capitale inglese per la prima volta a 17 anni, in occasione di una vacanza studio, e ci sono tornata altre volte sia da turista, sia per studiare la lingua. Conoscendo già bene la città, in occasione del nostro ultimo viaggio abbiamo deciso di dedicarci alla visita della Londra più insolita e meno turistica.

I posti insoliti da scoprire a Londra

I Kew Gardens

Uno dei posticini più sorprendenti di Londra sono i Kew Gardens, un complesso di giardini e serre situato a Richmond, raggiungibile con la metro da Londra con la District Line, zona 3-4. Se non è la vostra prima volta a Londra e siete amanti della natura, vi consiglio di visitare questo parco molto particolare per scoprire la flora dei vari ecosistemi. La stagione migliore per visitare il parco è la primavera-estate ma anche in inverno è uno spettacolo grazie alle sue serre.

Come raggiungere i Kew Gardens: i Kew Gardens possono essere raggiunti dal centro di Londra con la district line della metropolitana o, in alternativa, in treno.

View this post on Instagram

Finalmente venerdì! Questa prima settimana dopo le feste è stata parecchio impegnativa 😵 Oggi comincio a parlarvi del nostro viaggio a Londra iniziando dai Kew Gardens, un complesso di giardini e serre situato a Richmond, raggiungibile con la metro da Londra con la District Line, zona 3-4. Se non è la vostra prima volta a Londra e siete amanti della natura, vi consiglio di visitare questo parco molto particolare per scoprire la flora dei vari ecosistemi. La stagione migliore per visitare il parco è la primavera-estate ma anche in inverno è uno spettacolo grazie alle sue serre. Anche a voi piace visitare parchi e giardini quando viaggiate?🌴🌳🌺 #ilviaggiochevale #kewgardens #kew #londra #londoncity #londoncalling #london_city_photo #london_enthusiast #londonbylondoners #londonphotography #londondiaries #londonphotographer #london4all #londonliving #londonblogger #gardendecor #nature_of_our_world #nature_prefection #uk_greatshots #iglondon #igerslondon #nature_seekers #gardeninspiration #garden_styles

A post shared by il viaggio che Vale (@ilviaggiochevale) on

Neal’s Yard

Sicuramente insolito, ma sempre più turistico grazie alla fama conquistata su Instagram, Neal’s Yard è un vicolo super colorato situato nel quartiere di Covent Garden. L’ingresso di questo angolino si trova nella via Short’s Gardens, a breve distanza dall’incrocio di strade Seven Dials.

Neal’s Yard prende il suo nome da Thomas Neale, membro del Parlamento, che nel 1690 costruì l’area conosciuta come Seven Dials, un incrocio di 7 strade, tra cui Short’s Garden e Monmouth Street, le vie tra le quali si trova Neal’s Yard.

La Neal’s Yard che conosciamo ora si deve, tuttavia, a Nicholas Saunders che negli anni riqualificò l’area, ormai abbandonata a se stessa, rendendola quella che è adesso.

Come raggiungere Neal’s Yard: la stazione della metro più vicina è Covent Garden Station, sulla Piccadilly line.

Londra insolita: Neal's Yard
Neal’s Yard a Londra

The Royal Mews, Buckingham Palace

Abbiamo scoperto questo piccolo museo quasi per caso in occasione di un viaggio di qualche anno fa, durante una giornata un po’ sfortunata in cui la pioggia non sembrava darci tregua. Avevamo intenzione di assistere al cambio della guardia a Buckingham Palace ma a causa delle condizioni climatiche pessime è stato cancellato. Cercando qualcosa da fare in zona, abbiamo scovato le Royal Mews, ovvero le scuderie reali, e abbiamo deciso di visitarle. Oltre a conoscere i cavalli di Buckingham Palace, abbiamo visto le carrozze e le auto di rappresentanza utilizzate dalla famiglia reale in occasione di alcuni dei più importanti eventi che hanno caratterizzato la sua storia. Il costo del biglietto intero è di 13 sterline e comprende l’audioguida multi-lingue che vi consiglio di prendere e seguire per godere al meglio della visita.

Come raggiungere The Royal Mews: le fermate della metro più vicine sono St. James Park, sulla district e circle line e Victoria Station, su district, circle e victoria line.

Londra poco turistica: Royal Mews
Una delle carrozze esposte alle Royal Mews

Londra insolita: Il museo di Charles Dickens

Negli ultimi viaggi non ero ancora riuscita a visitare questo museo che per gli amanti dei classici di Dickens, e della letteratura inglese in generale, è imperdibile. Il Charles Dickens Museum si trova a pochi minuti a piedi dalla stazione di King’s Cross. Avendo visitato il museo durante le vacanze natalizie, abbiamo avuto la possibilità di vedere la casa addobbata e di scoprire come trascorreva le festività la famiglia Dickens. Lo scrittore amava profondamente questa festa; non a caso ha scritto più racconti e novelle dedicate al Natale, tra cui la più famosa è, senza alcun dubbio, A Christmas Carol.

Siamo rimasti molto colpiti da questa casa-museo e presto ve ne parleremo in un articolo dedicato!

Come raggiungere il Charles Dickens Museum: Noi abbiamo deciso di arrivarci a piedi da King’s Cross perché il nostro hotel si trovava lì vicino ma la fermata della metro più vicina è Russell Square sulla Piccadilly line.

Il Charles Dickens Museum a Londra
L’ingresso del Charles Dickens Museum

La Londra poco turistica: Holborn e gli Inns of Court

La zona di Holborn e gli Inns of Court è un quartiere centrale ma poco turistico e, per questo, molto spesso tralasciato negli itinerari della città. Questa area è la sede tradizionale degli studi legali e dei giornalisti. Ma cosa sono gli Inns of Court? Gli Inns of Court sono associazioni professionali con sede a Londra e costituiscono il luogo in cui gli avvocati svolgono il loro periodo di formazione e praticantato. Gli Inns of Court di Londra sono quattro: Lincoln’s Inn, Middle Temple, Gray’s Inn, Inner Temple.

In questa zona è possibile vedere alcuni edifici che risalgono a prima del grande incendio di Londra del 1666 e i maestosi edifici delle Royal Courts of Justice, costruiti nel 1882, che ospitano le principali corti civili della nazione.

Come raggiungere il quartiere di Holborn: potete scegliere tra le stazioni della metro di Holborn (central e piccadilly line), Chancery Lane (central line) e Temple (circle e district line).

Royal Courts of Justice di Londra
Le Royal Courts of Justice di Londra

Il negozio-museo della Twinings

Proprio di fronte alle Royal Courts of Justice si trova il negozio-museo della Twinings, una delle prime società che nel 1706 ha introdotto il tè in Gran Bretagna. Il primo negozio della Twinings fu aperto nel 1717 alle spalle di quello attuale Nel 1787 è stato creato il famoso, e classico, logo che la caratterizza ancora oggi nei 115 Paesi del mondo in cui esporta i propri prodotti.

Entrando alla Twinings, vi sembrerà di essere in una bottega di altri tempi. Lunghi scaffali in legno con tante miscele tra cui scegliere, anche alcune molto particolari e che in Italia non si trovano. La cosa che ho apprezzato di più è la possibilità di acquistare singole bustine di tè, per poter assaggiare tanti tè e tisane diverse senza spendere un patrimonio! Nella parte posteriore del negozio è, poi, possibile assaggiare alcuni dei tè e delle tisane proposte.

Come raggiungere il negozio della Twinings: La stazione della metro più vicina è Temple, sulla circle e district line.

Il Twinings Museum a Londra
La Twinings a Londra

Londra insolita: St Dunstan in the East

A poche centinaia di metri dalla Tower of London, nascosto all’interno delle mura di una chiesa in rovina, si trova il giardino di St Dunstan in the East.

Questo piccolo parco sorge sui resti di quella che era una chiesa, costruita per la prima volta all’epoca dei Sassoni. L’edificio venne ristrutturato da St. Dunstan nel 950, e da lui prende il nome, e poi ricostruito da Christopher Wren nel 1697 dopo il Grande incendio di Londra del 1666. Ad oggi della struttura di Christopher Wren sopravvive soltanto la torre.

Come raggiungere St Dunstan in the East: la fermata della metro più vicina è Monument (circle e district line).

Il giardino di St Dunstan in the East
La chiesa-giardino di St Dunstan in the East

Little Venice e Regent’s Canal

La nostra ultima mattinata a Londra abbiamo deciso di dedicarla ad una passeggiata rilassante lungo il Regent’s Canal. Siamo partiti dalla ormai famosa Little Venice di Londra (ma quante “Little Venice” esistono in tutto il mondo?!?), raggiungibile con la metro, linea Bakerloo, fermata Warwick Avenue, dove ci hanno accolto tante barchette ormeggiate e una calma quasi surreale per essere in una delle metropoli più grandi e caotiche del mondo. Senza averlo programmato, decidiamo di costeggiare il Regent’s Canal, in direzione Camden Town. La passeggiata lungo il fiume si snoda per quasi 4 km. Ci siamo solo noi, qualche ciclista e due persone con il proprio cane. La prima parte della camminata, poco scenografica, viene ampiamente compensata dalla seconda parte che passa proprio di fianco a Regent’s Park e ad alcune magnifiche ville. Terminiamo il giro nell’eccentrico quartiere di Camden Town.

Little Venice
Little Venice

Londra poco turistica: il quartiere di Greenwhich

Per la verità in questo viaggio non siamo riusciti a fare un salto a Greenwhich, il quartiere in cui ho lasciato il cuore. Qui si trovava il college dove ho trascorso la mia seconda vacanza studio a Londra e ho avuto la possibilità di girarlo e di conoscerlo attentamente. Nonostante si trovi ancora nella zona 2 della metro, quindi abbastanza centrale, questo quartiere non viene inserito frequentemente negli itinerari turistici. Se decidete di dedicare mezza giornata a Greenwhich vi consiglio di scendere alla fermata Cutty Sark, stazione della metropolitana DLR, ed iniziare da qui la vostra visita.

Dopo aver ammirato il Cutty Sark, nave inglese del 1869, potete dedicarvi al Royal Observatory di Greenwhich, attraversato dal meridiano zero. L’osservatorio si trova all’interno di Greenwhich Park. Se non siete interessati alla visita dell’osservatorio (che è a pagamento) vi consiglio comunque di salire sulla collinetta su cui si trova per vedere la linea del meridiano e per godere della meravigliosa vista su Canary Wharf (il nuovo quartiere finanziario).

Londra insolita: la vista su Canary Wharf dall'osservatorio di Greenwhich
La vista su Canary Wharf dall’osservatorio di Greenwhich

Londra insolita: i graffiti di Shoreditch e i mercati di Brick Lane

Se amate la street art e curiosare per mercatini, non potete perdervi le zone di Shoreditch e Brick Lane nella East London. Il giorno della settimana migliore per visitare questa zona della città è la domenica, quando Brick Lane e le vie circostanti si riempiono di bancarelle multietniche dove potete trovare abbigliamento vintage, oggettistica e molto altro ancora. Siamo rimasti affascinati da questo quartiere (e abbiamo fatto anche un po’ di shopping!) e non avremmo più voluto andarcene.

Come raggiungere Shoredithc e Brick Lane: le fermate della metro più vicine sono Old Street, sulla Northern Line, e Liverpool Street sulla Central, Circle, Metropolitan e Hammersmith & City line.

Londra poco turistica: i murales di Shoreditch
Uno dei bellissimi murales di Shoreditch

Spero che questa piccola guida vi abbia fatto venire voglia di partire per Londra!

Articoli correlati

11 commenti

Viola 27 Gennaio, 2020 - 5:48 pm

Leggendo questo articolo mi è venuta una gran nostalgia di Londra. Ho preso appunti per una prossima visita 😉

Reply
Valentina Regazzi 28 Gennaio, 2020 - 12:57 pm

Sono contenta di averti dato nuovi spunti 🙂

Reply
Marilu 30 Gennaio, 2020 - 4:54 pm

Ecco Vale ad esempio il museo di Charles Dickens mi manca, le altre perle citate le ho viste tutte, ho avuto la fortuna di stare a Londra per un po’ e di girarmela davvero da cima a fondo. La adoro!

Reply
Valentina Regazzi 31 Gennaio, 2020 - 11:06 am

Anche io adoro Londra! Il museo di Charles Dickens te lo consiglio, davvero molto carino e interessante!

Reply
Fabio 30 Gennaio, 2020 - 5:22 pm

Neal’s Yard mi piace da morire! É super colorato! Sono stato due volte a Londra ma non ho mai visitato questi posti… Ti suggerisco, se non ci sei stata, il mercato dei fiori della domenica mattina (non ricordo però la zona)

Reply
Valentina Regazzi 31 Gennaio, 2020 - 11:07 am

grazie del consiglio, non lo conoscevo 🙂 me lo segno per la prossima volta!

Reply
Giulia 16 Marzo, 2020 - 10:01 am

Belli questi posti! Alcuni li conoscevo, altri invece tipo il museo della Twinings no. Mi piacerebbe farci un salto, adoro i loro tè. Che voglia di tornare a Londra dopo questo post!

Reply
Claudia 20 Marzo, 2020 - 12:42 pm

Sono stata diverse volte a Londra e l’ultima volta che ci sono andata scelsi di visitare tutti i parchi e godermi il bel sole che c’era in quei giorni! Come tutte le grandi metropoli non si smette mai di scoprire luoghi nuovi e molti di questi che hai citato non li conoscevo proprio!

Reply
Roberta 20 Marzo, 2020 - 4:49 pm

La tua Londra alternativa è stupenda!! sicuramente andrei ai Kew Gardens (adoro i giardini), al Museo di Charles Dickens e a Little Venice. Tutti posti che mi sono sfuggiti nei miei numerosi viaggetti a Londra…

Reply
Silvia The Food Traveler 31 Marzo, 2020 - 10:28 am

Anche io come te sono stata a Londra da ragazzina (secoli fa!) e da allora ci sono tornata non so quante volte. Eppure, ogni volta mi mostra un angolo di sé che ancora non conoscevo. Per esempio negli ultimi due viaggi ho dedicato molto tempo a Spitalfields e Shoreditch, zone che mi piacciono moltissimo. Sai che però non sapevo fosse possibile visitare le Royal Mews? Segno per la prossima volta!

Reply
Valentina Regazzi 2 Aprile, 2020 - 7:44 am

Anche io ho ancora tantissimi posti da visitare 🙂

Reply

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.