Home Italia Cosa vedere a Montalcino, borgo della Val D’Orcia

Cosa vedere a Montalcino, borgo della Val D’Orcia

Valentina Regazzi
0 commento
Cosa vedere a Montalcino in Val D'Orcia

Durante il nostro weekend in Val D’Orcia abbiamo visitato anche Montalcino, patria del famoso vino Brunello. Il borgo medioevale, rimasto pressoché integro dal XVI secolo, si trova all’interno del Parco Naturale della Val d’Orcia ed è ricco di cose da visitare. Scoprite insieme a noi cosa vedere a Montalcino.

La Fortezza di Montalcino

Il panorama che si intravede avvicinandosi a Montalcino è dominato dalla sua fortezza, una delle principali attrazioni della Val D’Orcia, nonché uno dei suoi luoghi più fotografati ed instagrammabili. La Fortezza (o Rocca) venne eretta nel 1361, inglobando le antiche mura della città. La sua struttura, con pianta pentagonale e mura dotate di camminamenti, è tipica dei castelli difensivi di epoca medioevale. Il cortile è liberamente accessibile e i camminamenti sulle mura possono essere percorsi al prezzo di 4 euro a persona. L’ingresso si trova all’interno dell’enoteca situata nel cortile. L’esperienza di camminare sulle mura della fortezza può essere vissuta con tutta la famiglia, anche con i vostri amici a quattro zampe!

La vista dalle mura della fortezza – il Brunello di Montalcino

Dalle mura della fortezza, godrete di un meraviglioso panorama su tutto il borgo di Montalcino e sui vigneti circostanti. Qui, infatti, viene prodotto il Brunello di Montalcino che, insieme al Barolo, è uno dei vini italiani più famosi all’estero. Il Brunello di Montalcino, ottenuto da sola uva Sangiovese, fu creato verso la metà del XIX secolo e deve il suo nome al colore bruno, tendente al marrone.

Cosa vedere a Montalcino: Palazzo dei Priori

La seconda principale attrattiva del borgo di Montalcino è Palazzo dei Priori, che si affaccia su piazza del Popolo e, dal lato opposto, su piazza Garibaldi. Il Palazzo dei Priori venne realizzato tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo ed è decorato con gli stemmi dei podestà che hanno governato la città nel corso dei secoli. Il palazzo è sormontato da una torre medioevale. Accanto si trova una struttura ad archi, la Loggia, realizzata tra il XIV e il XV secolo.

Il Palazzo dei Priori di Montalcino

Cosa visitare a Montalcino: il Duomo

Il Duomo di Montalcino, intitolato al Santissimo Salvatore, è il principale edificio religioso della città. L’antica chiesa venne realizzata intorno al ‘400 e, dopo la demolizione, fu integralmente ricostruita in stile neoclassico. All’interno della cattedrale, suddivida in 3 navate, si trovano numerose opere, come la pala d’altare Immacolata Concezione con Gesù e Dio Padre, realizzata da Francesco Vanni.

Cosa vedere a Montalcino: il Duomo
Il Duomo di Montalcino

La Chiesa della Madonna del Soccorso

La Chiesa della Madonna del Soccorso si trova appena al di fuori delle mura del centro storico. L’edificio venne realizzato nel 1330. L’esterno è in stile classicheggiante, mentre l’interno è barocco e decorato con affreschi, sculture ed altari.

La Chiesa della Madonna del Soccorso
La Chiesa della Madonna del Soccorso

Cosa vedere a Montalcino: La Chiesa di Sant’Agostino

La Chiesa di Sant’Agostino, realizzata in stile romanico, risale ai primi anni del XIV secolo. La facciata dell’edificio è divisa in due parti da una lista di pietra; nella parte superiore si trova un bellissimo rosone. All’interno si trovano numeri affreschi, realizzati da vari artisti senesi del XIV-XV secolo, principalmente attribuiti a Bartolo di Fredi.

Cosa vedere a Montalcino: la Chiesa di Sant'Agostino
La Chiesa di Sant’Agostino

Il Museo di Arte Sacra

Accanto alla chiesa dei Santi Filippo e Giacomo si trova il Museo Civico e Diocesano d’Arte Sacra di Montalcino. La sua collezione spazia dal Medioevo al Novecento e racchiude opere di artisti senesi, quali Ambrogio Lorenzetti, Simone Martini e Bartolo di Fredi. Il museo è aperto tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 10,00 alle 17,30. Il costo del biglietto intero è di 4,50 euro, il ridotto di 3,00 euro.

Come raggiungere Montalcino e dove parcheggiare

Il mezzo di trasporto più comodo per raggiungere Montalcino è, senza alcun dubbio, l’automobile. Noi abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio lungo viale Strozzi, proprio di fronte alla chiesa della Madonna del Soccorso, al costo di 1,70 euro all’ora.

Per chi si sposta in treno, la stazione più vicina è quella di Buonconvento. Da lì, potete raggiungere Montalcino con il bus n. 114, con una percorrenza media di circa 30 minuti.

Dove alloggiare a Montalcino

Durante il nostro weekend in Val d’Orcia, abbiamo alloggiato all’Agriturismo Lucciola Bella, situato a sud-ovest della cittadina di Pienza. L’Agriturismo si trova in una posizione ideale per visitare tutta la Val d’Orcia e per godersi, appena svegli e prima di dormire, uno dei panorami più belli che abbia mai visto. L’Agriturismo Lucciola Bella accetta anche i cani di piccola e media taglia.

Il panorama dall’Agriturismo Lucciola Bella

Cosa vedere nei dintorni di Montalcino

Sono molte le cose da vedere nei dintorni di Montalcino. Restando in Val d’Orcia, non potete non visitare i borghi di Pienza, Bagno Vignoni e San Quirico d’Orcia. Al confine orientale della valle si trova la cittadina di Montepulciano. Spostandosi verso Siena, incontrerete Monteriggioni, uno straordinario borgo medioevale perfettamente conservato. Allungando il viaggio, potete visitare anche Volterra, San Gimignano, Pisa e Lucca.

Vi è piaciuto l’articolo? Leggete anche:

Articoli correlati

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.